Principale >> Guida Di Viaggio >> Storia di Xiamen

Storia di Xiamen

Xiamen

Il porto divenne un importante porto marittimo durante la dinastia Song. Il porto naturale è profondo e può ospitare le navi più grandi di oltre 100.000 tonnellate. Per difendere l'isola dai giapponesi, il principe Zhou Dexing chiuse la città di Xiamen con 110 chilometri di mura fortificate.

L'antico muro fu distrutto nel 1928, ma puoi vederne dei resti in alcuni luoghi come l'Università di Xiamen. Questo muro era usato per tenere fuori i giapponesi, ma non riuscì comunque a tenere fuori gli europei. Inizialmente sono venuti come commercianti.

Quindi, dopo che i mongoli invasero e fondarono la dinastia Qing, un personaggio famoso di nome Koxinga nato nel 1629 a Hirado, in Giappone, stabilì un territorio nell'area fuori dal controllo Qing. Combatté contro le truppe Qing e cacciò anche gli olandesi da Taiwan. Quando aveva il controllo, il nome del territorio si chiamava Siming che significa 'Ricorda i Ming'.



Ora è il nome di un distretto di Xiamen. Gli olandesi avevano colonizzato Taiwan. Così il 21 aprile 1661 salpò con decine di migliaia di truppe (forse 25.000) e gli olandesi si arresero il 27 gennaio 1662. È famoso sia in Cina che a Taiwan per queste vittorie. Koxinga morì poco dopo, e poi la dinastia Qing prese il controllo dell'area di Xiamen.

Nel 1902, l'area aveva un governo locale composto da stranieri. C'erano stranieri di molti paesi nel regolamento internazionale e quattordici paesi avevano consolati lì. Nel 1939, i giapponesi volevano invadere l'area, ma non ci riuscirono a causa della presenza di truppe straniere. Nel 1941, i giapponesi controllavano l'area.

Nel 1980 è diventata una delle prime quattro zone economiche speciali della Cina in cui erano consentiti gli investimenti esteri e il commercio internazionale. Dopo questo, la città divenne prospera. La città fa molto affidamento sul commercio estero e sugli investimenti per la crescita. È un porto vitale per il commercio con Taiwan ed è un passaggio importante per i taiwanesi per visitare la Cina.